Un calcolo

35. Questa mattina ho fatto un veloce calcolo sulle otto dita che mi ritrovo (dopo aver infilato le due mancanti nel tostapane nuovo appena acceso).
Il calcolo è questo: sono quasi dieci anni che il primo maggio non faccio colazione, probabilmente nemmeno bevo un caffè in questo giorno di ogni anno, insomma dal 2010 non mi tratto da persona il primo di ogni maggio. Sono sicura di questo e ne ho le prove:

2010 Lavoro, inizio ore 7, baby sitting
2011 Lavoro, scarico colli libri in liberia dalla notte prima
2012 Lezioni, lavoro (friggitura frittelle in paese)
2013 America, lungomare, bambini ovunque, forse una vaschetta di mirtilli per pranzo sul divano
2014 Roma, ricerca di lavoro, traduzioni, disegni, case altrui, poco spazio
2015 Sveglia all’alba, lavoro in panificio, caldo, allenamento
2016 Non ricordo se lavoravo o se mi hanno chiamata per lavorare anche se non ero in orario. Ad ogni modo ho lavorato.
2017 Mattina di persone a Roma, fretta, lavoro, lividi post allenamento

Oggi sono su balcone della casa che abito per davvero soltanto da pochi mesi. Non ci passo molto tempo, ma almeno faccio colazione guardando le fragole fiorire accanto ai cactus.
E comunque non corro il rischio di passare questo martedì festivo sul divano, non ho un divano.

Settembre
Era troppo comoda la vita in Italia? Meglio scappare. dietro l'Oceano, dove nessuno mi può immaginare.