Quasi Wikipedia random

«[…] Mi sono ricordato di Antoine Parmentier, un agronomo francese (dal quale la fermata prende il nome) famoso per la diffusione della patata (già, perché prima di lui si pensava fosse addirittura velenosa – o comunque nociva-, a quanto ne so).
Sai come riuscì [Parmentier] a convincere i contadini francesi, inizialmente diffidenti, a cibarsi di patate? Cito: “[…] fece inviare militari armati a presidiare, dall’alba al tramonto, i campi coltivati a patate; i contadini si convinsero trattarsi di cibo prezioso e cominciarono a rubarle nottetempo, così iniziando a consumarle.”»

Fauna attuale al nord

“Sto leggendo Kant”-“che schifo Kant”
-“ma che schifo tu” -“no ma in effetti
Kant è molto interessante” “ma vero?”
E da li via a parlar di dio, dell’abbandono,
dell’arte, finché lui non ritira fuori la
rossa offrendomi una sigaretta. Che
elementi. “Registriamo i nostri dialoghi e ci facciamo un film alla Nanni Moretti.”
Parole sue, Roma 2017 […], domani una cena, mi torna alla mente la bourguignonne e rido da solo. E si, ho cercato su Wikipedia prima di scrivere quella mastodontica parola francese: mai ci sarei arrivato da solo. Che poi io mica ho ancora capito: il francese lo so o non lo so? Vattelappesca.