Logo

agosto, 2014

Mi piace

Continuano le ondate di turisti italiani, spesso tutti irritati come fossero stati spazzolati con il pettine a rastrello già di prima mattina. Non mi piacciono i turisti italiani con i bambini sporchi di gelato al seguito, mi piacciono però i loro papà e nonni e nonne, le mamme meno. Così come non disprezzo i cani al

View Article

Come carezze su ricrescita

Non è che funziona tutti i giorni svegliarsi bene. Io ci provo, poi se succede che apro gli occhi qualche minuto prima che suoni la sveglia e, in cortile, sento urlare porcamadonna e budelloditumadre, alternati a vocali OOOUU, EIII, non va mica bene. Quando accade ciò mi alzo proprio di cattivo umore. Non che mi abbia mai dato alcun fastidio un

View Article

Ancora gialli

Sono giornate gialle di sole, caldo e di classici Doyle, Simenon e di S. S. Van Dine da risistemare in bella vista –  che se non fosse per Diego che mi porta un bicchiere d’acqua di tanto in tanto dal bar, io non so se ce la farei a trascinarmi tra gli scaffali con dignità. Ecco che

View Article

All’alba

La sveglia suona ma non la sento. Poi vibra il telefono, 4.45, chiamata in arrivo, scendo tra un quarto d’ora. Mi sveglio del tutto senza grandi sforzi, infilo i jeans da distesa e mi alzo sorprendendomi del mio stesso equilibrio più calibrato di certe levatacce alle otto di mattina, dopo essere tornata a casa alle tre. Mah, strani

View Article